0290363461 info@toppartners.it

Carta carburante: vantaggi e tipologie.

Tipologie di carte

  • monomarca: spendibili solo presso un determinato fornitore;
  • multimarca: spendibili presso più fornitori;
  • multifunzione: offrono una vasta gamma di servizi quali gestione interattiva delle flotte, semplificazioni dei pagamenti come pedaggi autostradali e ricezione elettronica delle fatture.

I vantaggi della carta carburante

  • semplifica la gestione dei rifornimenti;
  • offre servizi e vantaggi per semplificare la vita di chi viaggia;
  • permette di controllare e verificare i consumi di carburante;
  • consente di dilazionare i pagamenti

Regime di deducibilità dei costi per i veicoli aziendali.

Che cos'è e quali sono le percentuali di deducibilità per le imprese

A seguito della Riforma Fornero e della Legge di stabilità del 2013 sono state fortemente ridotte le percentuali di deduzione dei costi sostenuti per i veicoli, con conseguente abbattimento delle imposte sui redditi (Irpef e Ires).
Quando si parla di deducibilità delle spese e componenti negativi relativi ai veicoli (auto, autocaravan, ciclomotori, ecc.) ci si riferisce a tutti i costi che quel bene comporta.
Ci sono diverse percentuali di deducibilità per le imprese: deducibilità piena e ridotta.
Tutti i casi di deducibilità sono tassativamente elencati all'art.164 TUIR.

Deducibilità ridotta

  • Deducibilità del 20% delle spese se il veicolo è utilizzato dal titolare o dall'amministratore (uso promiscuo) per l'attività d'impresa e quindi non utilizzati esclusivamente come beni strumentali.
  • Deducibilità del 70% delle spese se il veicolo è affidato in uso promiscuo a un dipendente per la maggiorp arte del periodo d'imposta;
  • Deducibilità all'80% per i veicoli utilizzati dai soggetti esercenti attività di agenzia o di rappresentanza di commercio.

Deducibilità piena

Deducibilità al 100% per i costi dei veicoli destinati ad essere utilizzati esclusivamente come beni strumentali nell’attività d’impresa. S’intende che l’attività dell’impresa senza quei veicoli non può essere esercitata. Inoltre sono interamente deducibili anche i costi relativi ai veicoli adibiti ad uso pubblico.

Detraibilità dell'IVA

Anche la detraibilità dell’IVA relativa alla carta carburante può essere parziale o totale:
  • Iva detraibile al 100% per i veicoli stradali a motore per trasporto per¬sone o cose, pari o maggiore a 35 quintali o con almeno 8 posti, conducente escluso, trattori, veicoli oggetto di produzione o commercio da parte del contribuente e veicoli strumentali all’esercizio dell’attività e utilizzati esclusivamente ai fini della attività. Detrazione vale anche per agenti e rappresentanti;
  • Iva detraibile al 40% per i veicoli stradali a motore per trasporto persone o cose, minore a 35 quintali e con massimo 8 posti (escluso conducente), e non utilizzati esclusivamente nell'esercizio dell'attività di impresa o della professione.

Addio alla scheda carburante. Ecco tutte le novità.

Dal 1° luglio si passa dalla scheda carburante al pagamento elettronico.

La nuova Legge di bilancio 2018 n.205/2017, ha introdotto l’abolizione della scheda carburante, a partire dal 1° luglio 2018.
La normativa stabilisce che le spese per l’acquisto di carburante saranno deducibili e l’iva detraibile qualora il pagamento sia effettuato con mezzi tracciabili, abolendo quindi la compilazione delle schede carburante cartacee.

L'obiettivo finale della subordinazione della deducibilità per le spese sostenute tramite carta di credito, debito e prepagate è quello di contrastare l'evasione. Infatti, i soggetti titolari di partita Iva non potranno più dedurre il costo relativo all'acquisto di carburante, né detrarre la corrispondente iva tramite metodi di pagamento contante.
L'emendamento approvato con la Legge di bilancio 2018 prevede il rispetto di alcune regole a partire dalla data di applicazione dello stesso:
  • L'obbligo di pagamento del carburante con moneta elettronica;
  • L'obbligo di fatturazione elettronica a carico del benzinaio che ha effettuato il rifornimento nei confronti di un titolare di partita iva;