DKV Card Climate: la carta carburante che sostiene l’ambiente

La carta carburante DKV CLIMATE è la carta che neutralizza le emissioni di CO2 e consente di far viaggiare il parco mezzi aziendale completamente ad impatto zero.

Carta carburante DKV CARD CLIMATE

La DKV CARD CLIMATE è una carta carburante proposta dal leader dell’approvvigionamento in viaggio senza contanti per il settore della mobilità e dei trasporti in Europa, DKV Euro Service. La sostanziale differenza che caratterizza questa carta carburante è la possibilità di viaggiare per le strade europee e italiane completamente ad impatto zero di emissioni CO2. Ciò avviene grazie al fatto che la DKV CLIMATE è la sola carta carburante che permette di compensare le emissioni di auto, furgoni e mezzi pesanti, quando ci si sposta per fini commerciali e di lavoro. Inoltre, le aziende che usufruiscono di questa carta carburante green ricevono una particolare certificazione che dimostra l’impegno in termini di compensazioni CO2. Le politiche di corporate social responsibility sono, oggigiorno, sempre più importanti per le aziende che, infatti, si impegnano il più possibile per rispettarle ed apparire più virtuose agli occhi del mercato e degli stakeholders. A tal proposito, per ogni litro di benzina acquistato mediante la DKV Climate, viene automaticamente versato un contributo per finanziare progetti ambientali e sostenibili, grazie alla collaborazione con Myclimate, uno dei maggiori player in materia di compensazioni ambientali.

Perché scegliere la carta carburante DKV CARD CLIMATE

La DKV Climate è la carta green perfetta per la vostra flotta aziendale, infatti, può essere utilizzata in più di 100.000 punti e 9.000 distributori di benzina multimarca. Inoltre, fa risparmiare fino a 20 centesimi per litro di carburante. Oltre a posticipare i pagamenti delle spese di carburante, garantendo maggiore liquidità, la DKV Climate prevede il rimborso completo dell’IVA estera in più di venti paesi d’Europa. DKV Climate è anche sinonimo di qualità del servizio, infatti, offre un servizio di supporto H24, grazie ai più di 12.000 partner DKV. E’ la carta carburante ideale per tenere sotto controllo tutte le spese del proprio parco mezzi.

Rafforza l’immagine aziendale con DKV CARD ClIMATE

Il sostegno ai numerosi progetti ambientali, grazie alla carta carburante DKV Climate, è il modo migliore per rafforzare l’immagine della tua azienda sul mercato. Inoltre, il riconoscimento, ricevuto da Myclimate, è la prova inconfutabile che la tua azienda si sta impegnando seriamente in progetti di sostenibilità. Numerose sono le imprese italiane che hanno scelto la DKV Climate. Dopo la Germania è proprio l’Italia il secondo paese a farne più uso. Dal suo rilascio, DKV Climate ha compensato ben 8.700 tonnellate di anidride carbonica.

Dai una svolta green alla tua azienda, fai del bene all’ambiente e all’immagine della tua impresa con la carta carburante DKV Climate: clicca qui

Compara i migliori fornitori di carte carburante

Solidarietà: sconti benzina 2020 per disabili con la 104

Dal primo febbraio, il progetto “Self per tutti” permette alle persone disabili di ricevere gli sconti del self-service dei distributori, ricevendo comunque il loro supporto.

Come nasce l’idea “self per tutti”

Tutto ciò è merito di un accordo tra le associazioni che si pongono in difesa dei diritti dei disabili e i rappresentanti dei distributori di benzina. Questo accordo può essere definito come una specie di self-service assistito, infatti, anche i disabili potranno usufruire degli sconti della benzina quando si recano presso un distributore, ma ricevendo l’aiuto degli operatori sarà più semplice per loro avere pari opportunità, grazie all’aiuto di una società più inclusiva nei loro confronti.

Chi ha aderito all’iniziativa

Sono oltre 430 le stazioni di servizio che hanno deciso di aderire a questa iniziativa. Alcune tra le più note sono: Q8, ENI e Tamoil. Saranno presenti nelle autostrade, ma anche nelle città italiane. Il risparmio, calcolato al litro di benzina, è di circa 0.10€. Sarà possibile usufruire di questi sconti non solo da parte del disabile, ma anche da parte di chi se ne prende cura, come i familiari. Un modo semplice per scoprire tutti i benzinai, che hanno aderito a questa interessante iniziativa, è andare sul sito dell’Unione Petrolifera, dove è possibile consultare l’elenco del mese di febbraio 2020, suddiviso per regione e città.

Come individuare i distributori di benzina

Localizzare per strada i distributori è particolarmente semplice, infatti, essi mostreranno un logo che permetterà agli automobilisti di identificarli facilmente. Una volta giunti sul luogo prescelto, non sarà necessario alcuna documentazione per ricevere gli sconti dell’iniziativa “self per tutti”. Non è necessario compilare alcun modulo o presentare nessuna domanda, spetterà al personale identificare la disabilità dell’automobilista e procedendo, quindi, con l’assistenza necessaria.

Un’iniziativa molto interessante che garantirà il sostegno necessario e un migliore inserimento in società alle persone diversamente abile.

Compara i migliori fornitori di carte carburante

I vantaggi delle carte carburante prepagate

Con la nuova normativa, dal 1° gennaio 2019, non è più possibile pagare con i contanti il carburante durante i viaggi di lavoro. L’unico modo per detrarre l’Iva e dedurre le spese effettuate è attraverso il pagamento con una forma tracciabile: carta di credito o carta prepagata. Per questa ragione molte aziende si stanno dotando di carte carburante, ormai obbligatorie per recuperare le spese di viaggio. Tra le varie soluzioni presenti sul mercato, le carte carburante prepagate possono risultare particolarmente vantaggiose. Quest’ultime sono state ideate appositamente per i dipendenti di aziende o per i professionisti e non necessitano di fido bancario e particolari garanzie per poterle acquistare.

Il funzionamento delle carte carburante prepagate è molto semplice, dopo un pagamento effettuato da un dipendente ad un distributore, il titolare di azienda o l’amministrazione potrà avere accesso diretto alla documentazione elettronica da remoto e trovare tutti i pagamenti effettuati dai suoi dipendenti per richiedere le agevolazioni fiscali, e quindi dedurre le spese e detrarre l’IVA. Il dipendente non dovrà più preoccuparsi di compilare note spese o cercare le spese del carburante nell’estratto conto, dovrà richiedere semplicemente la fattura elettronica al distributore, fornendogli i dati per riceverla, come PEC, dati fiscali dell’azienda o codice destinatario. Alcune carte carburante prepagate, per facilitare questo servizio, offrono la possibilità di richiedere la fattura elettronica attraverso un QR-code da mostrare all’operatore sul luogo.

Le pratiche per ricevere le carte carburante prepagate sono molto semplici e non richiedono particolari garanzie finanziarie. Hanno un importo prestabilito non possono scendere sotto lo zero, ergo, la spesa massima effettuabile deve corrispondere all’ammontare di moneta sulla carta, caricato dall’azienda. Questa garanzia evita l’insorgere di possibili frodi perché se non è presente l’importo necessario, il pagamento verrà bloccato immediatamente.

Una carta carburante prepagata molto utilizzata, grazie al suo essere universale (può essere utilizzata in qualunque distributore, nonché pompe bianche) è la carta Soldo Drive che non ha commissioni all’uso ma un costo fisso mensile di 2€. Facilmente richiedibile, è la carta ideale per controllare le spese in tempo reale, è multiutente e ha una contabilità molto semplificata, fornita direttamente da Soldo, dopo ogni pagamento.

Le carte carburante prepagate non avendo fido bancario sono molto utilizzate da aziende che non possono offrire garanzie finanziarie, sono di recente costituzione o hanno protesti, ma anche in alternativa alle carte di credito aziendali per la gestione delle spese di carburante da parte di autisti e autotrasportatori di veicoli aziendali, nella massima sicurezza.

Compara i migliori fornitori di carte carburante

Carta carburante: monomarca o universale?

Dal 1° gennaio 2019, è diventato obbligatorio per le aziende di ogni dimensione e per i liberi professionisti, effettuare rifornimento di carburante attraverso metodi tracciabili come, ad esempio, carte di credito o prepagate. Soltanto attraverso tali metodi, sarà possibile dedurre le spese del costo della benzina e detrarre l’IVA, secondo i limiti di legge. Inoltre, tramite le carte carburante si ha a disposizione una più veloce e agevole gestione della rendicontazione relativa alle spese di carburante, rispetto alle vecchie schede carburante cartacee.

Quindi le carte carburante hanno il vantaggio di gestire attraverso un’unica fonte la deduzione dei costi per il rifornimento e la detrazione dell’IVA. Dall’introduzione della fattura elettronica, molti fornitori di carburante hanno proposto delle soluzioni brandizzate di carte carburante monomarca, a queste si affiancano carta carburante multimarca o addirittura universali, messe a disposizione da fornitori di servizi che hanno create delle tessere carburante sulla base di convezioni con la rete di distributori affiliati.

Carta carburante monomarca

Numerose compagnie petrolifere dispongono di carte carburante monomarca, utilizzabili presso i propri distributori, in alcuni casi concedendo sconti e in altri casi usufruendo della gratuità della carta. Tra le carte carburante più note e più vantaggiose c’è Cartissima Q8. Le carte carburante monomarca possono sembrare sconvenienti, dato che hanno una scelta di distributori abbastanza limitata, ma hanno anche il vantaggio di offerte e sconti dedicati ai possessori, garantendo un sostanzioso risparmio fisso.

Possono risultare utili per i dipendenti che hanno un determinato percorso giornaliero da compiere per l’azienda e sanno di poter sempre fare affidamento su uno specifico distributore, alle aziende che si dispongono di un distributore di benzina non lontano dalla sede aziendale e ai liberi professionisti sempre in giro. Spesso, le carte carburante monomarca hanno un costo carta irrisorio o sono addirittura gratuite, pertanto conviene averne almeno una, in modo da sfruttare lo sconto sul carburante ad esse correlato.

Carta carburante multimarca

Le carte carburante multimarca, invece, danno la possibilità di rifornirsi presso più distributori di benzina convenzionati. È chiaro che, questa tipologia di servizio, amplia la scelta dell’azienda e permette quindi al possessore della carta di utilizzarla presso più distributori convenzionati, anche quelli meno costosi e quindi avere un primo risparmio perché non obbligati a fare rifornimento da un unico distributore. Molte carte carburante multimarca mettono a disposizione un App Mobile con i prezzi dei vari distributori convenzionati su Maps, in modo da scegliere la stazione di rifornimento più conveniente.

Tra le carte multimarca più diffuse in termini di utilizzatori e stazioni di rifornimento che le accettano, ci sono: ma carta UTA di Edenred e DKV Card (con anche la versione DKV Climate che rispetta l’ambiente). Questi due fornitori di carte carburante sono convenzionati con più di 7.500 distributori in Italia. Danno, dunque, una maggiore garanzia alle aziende piccole e grandi che le richiedono.

Per ottenere una carta carburante monomarca o multimarca con linea di credito e quindi addebito in conto corrente, sono richiesti dei requisiti minimi di accesso, tra cui le specifiche riguardo la solvibilità dell’azienda. Per le nuove aziende e Partite Iva, nonché aziende che non abbiano i suddetti requisiti o non abbiano modo di immobilizzare capitale a titolo di cauzione, può essere più opportuna una carta carburante prepagata.

Carta carburante universale

Le carte carburante universali risolvono completamente il problema dell’accesso alle pompe di benzina e della fattura elettronica. Infatti, permettono di rifornirsi presso qualunque stazione di servizio, anche le pompe bianche che hanno costi minori, nonché avere la fattura elettronica per dedure i costi delle spese di viaggio in bilancio o nella dichiarazione dei redditi del professionista. In questo modo i possessori della carta carburante non saranno vincolati ad un determinato percorso per fare benzina ma potranno fare rifornimento anche presso i distributori più economici che trovano lungo il loro percorso.

L’unica carta carburante universale è la prepagata Soldo Drive che non prevede né cauzione né commissioni e ha un costo di 2€ al mese. L’alternativa con addebito in conto corrente e con tutti i vantaggi della carta di credito è la carta UTA di Edenred in quanto avendo oltre 7.500 stazioni in tutta Italia copre ampiamente ogni zona per il suo utilizzo.

Compara i migliori fornitori di carte carburante

I vantaggi delle carte carburante di credito

Le carte carburante con addebito in conto corrente, consentono una registrazione più agevole rispetto alle carte di credito aziendali, come ad esempio le carte business American Express. Queste ultime possono essere utilizzate per spese aziendali di vario tipo, tra cui anche il rifornimento di benzina per i veicoli aziendali, ma richiedono in fase di registrazione amministrativa la doppia scrittura contabile e maggiore difficoltà nella gestione burocratica delle spese da parte degli addetti alla contabilità.

Un primo vantaggio, delle carte carburanti con addebito in conto corrente, è la concessione di un periodo di dilazione tra il momento in cui viene effettuato il pagamento di carburante e l’effettivo addebito sul conto e quindi la sottrazione dell’importo pagato dal saldo. La dilazione di pagamento concessa dalle carte carburante con credito varia da fornitore a fornitore e può arrivare fino a 45 giorni. Utilizzando questa tipologia di carta carburante le imprese e i liberi professionisti possano avere maggiore liquidità di cass.

In genere, come tutte le carte di credito, vengono richieste delle garanzie e/o cauzione per la concessione del fido al professionista.

Un secondo vantaggio è legato ai servizi su strada accessibili con alcune carte carburante. Tali servizi possono riguardare il pagamento di pedaggi, soccorso stradale, servizio parcheggi, servizio gomme, disbrigo doganale o altro l’utilizzo di questi servizi in genere non ha un costo fisso, ma una commissione legata all’uso.

Compara i migliori fornitori di carte carburante

Vantaggi delle carte carburante elettroniche

Le carte carburante elettroniche, oltre al vantaggio primario di consentire l’adeguamento alla normativa fiscale relativa al carburante e quindi consentire ad aziende, professionisti e lavoratori autonomi con partita Iva, la deducibilità delle spese della benzina e la detraibilità dell’IVA sul carburante, offrono altri vantaggi, aggiuntivi rispetto ai vantaggi fiscali.

Le carte carburante elettroniche in primis prevedono l’invio automatico delle fatture elettroniche via e-mail e in genere danno la possibilità di creare report personalizzati per il controllo dei consumi relativi ai diversi veicoli aziendali, controllo fondamentale soprattutto quando la flotta è superiore a 3 veicoli e guidata da personale diverso dai proprietari, come nel caso di auto, furgoni o camion affidati a dipendenti.

Tramite un portale o una app è possibile visualizzare tutte le carte carburanti, definire dei plafond, ordinarne di nuove in caso di nuovi veicoli aziendali o bloccare le carte in ogni momento, il tutto per garantire il massimo della sicurezza.

Altra novità molto comoda sono i pagamenti digitali presso le stazioni di servizio, direttamente con App.

Altri vantaggi delle carte carburante elettroniche sono legati ad alcune specificità, pertanto occorre fare una distinzione tra carte carburante di credito e carte carburante prepagate oppure tra carte carburante monomarca e carte carburante universali.

Compara i migliori fornitori di carte carburante